Mark J Bolland, Andrew Grey, Alison Avenell
Lancet Diabetes Endocrinol 2018 Published Online October 4, 2018
http://dx.doi.org/10.1016/S2213-8587(18)30265-1

Background: l’effetto della vitamina D sulle fratture, sulle cadute e sulla densità minerale ossea è incerto soprattutto per le dosi più alte di vitamina D. Noi abbiamo voluto valutare l’effetto della supplementazione di vitamina D sulle fratture, sulle cadute e sulla densità minerale ossea.

Metodi: in questa review sistematica abbiamo utilizzato i lavori delle metanalisi precedentemente pubblicate  aggiornando la ricerca su  PubMed, Embase e Cochrane Central il 14 settembre 2017 e il 26 febbraio 2018, usando come termine di ricerca “vitamina D” e altre parole chiave addizionali senza alcuna restrizione di lingua.   Abbiamo valutato gli studi randomizzati e controllati in soggetti adulti (>18 anni) che hanno confrontato la vitamina D con controlli non  trattati con vitamina D, placebo o supplementi a basso dosaggio di vitamina D. Gli studi con trattamenti multipli (ad esempio co-somministrazione di calcio e vitamina D) erano includibili se i bracci dello studio differivano solo per l’utilizzo della vitamina D. Abbiamo escluso gli studi con analoghi idrossilati della vitamina D. Gli studi eleggibili dovevano avere come outcomes o dati sulle fratture o sulle cadute o sulla densità minerale ossea a livello di colonna, femore, total body o polso. Abbiamo estratto i dati sulle caratteristiche dei partecipanti, il disegno degli studi, gli interventi, gli esiti, i fondi e i conflitti di interesse. Gli end-points primari sono stati i partecipanti con almeno una frattura o una frattura di femore o una caduta; abbiamo confrontato i dati per le fratture e le cadute utilizzando il rischio relativo con un’analisi intention-to-treat utilizzando tutti i dati disponibili. Gli outcomes secondari erano la % di variazione della densità minerale ossea rispetto al basale a livello di colonna, femore totale, collo femorale, total body e polso.

Risultati: abbiamo identificato 81 studi randomizzati e controllati (53 537 partecipanti) che riportavano dati sulle fratture (42 studi), sulle cadute (37 studi) o sulla densità minerae ossea (41 studi). Nell’analisi complessiva, la vitamina D non ha effetto sulle fratture totali (36 studi; n=44 790, rischio relativo 1·00, 95% CI 0·93–1·07), sulla frattura di femore (20 trials; n=36 655, 1·11, 0·97–1·26) o sulle cadute (37 studi; n=34 144, 0·97, 0·93–1·02). I risultati sono simili negli studi con alte dosi di vitamina D (> 800 UI/die) e in quelli con basse dosi. Non sono state osservate differenze clinicamente rilevanti nelle variazioni di densità minerale ossea in ogni sito considerato (range da –0·16% a 0·76% in 1–5 anni). Per quanto riguarda le fratture totali e le cadute l’effetto stimato di variabilità del rischio relativo del 15%, 10%, 7·5% e 5% (solo per le fratture totali), suggerisce che la supplementazione con vitamina D non sia in grado di ridurre le fratture o le cadute in questa entità. Per la frattura di femore, considerato un rischio relativo del 15%, l’effetto stimato di variabilità permette di dire che la supplementazione non è in grado di ridurre il rischio di frattura di femore ma non è certo se possa incrementarlo. Per la densità minerale ossea, utilizzando una soglia di variazione dello 0·5% per il femore totale, il polso ed il total body e dell’1% per colonna lombare e collo femorale, la vitamina D non è in grado di determinare variazioni significative

Interpretazione: le nostre analisi indicano che la supplementazione con vitamina D non previene le fratture nè le cadute e non ha un effetto clinicamente rilevante sulla densità minerale ossea. Non ci sono diffeenze tra le alte e le basse dosi di vitamina D. C’è quindi poca giustificazione all’uso dei supplementi di vitamina D nel mantenere o migliorare la salute dello scheletro. Questa conclusione dovrebbe riflettersi nelle line guida.

Per ulteriori approfondimenti:

-Assessment of research waste part 2:wrong study populations- an exemplar of baseline vitamin D status of participants in trials of vitamin D supplementation Bolland et al. BMC Medical Research Methodology (2018) 18:101; https://doi.org/10.1186/s12874-018-0555-1

– European Medicines Agency. Guideline on the evaluation of medicinal products in the treatment of primary osteoporosis. London, 16 November 2006 Doc. Ref. CPMP/EWP/552/95 Rev. 2

©2019 Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati

Scrivi alla segreteria

Per qualsiasi informazione sull'iscrizione alla società G.I.BIS. Scrivi alla segreteria.

Invio

Entra con le tue credenziali

oppure    

Dimenticate le credenziali

Create Account