A Prespecified Secondary Analysis of a Double-Blinded, Randomized Clinical Trial
Brustad N, Garland J, Thorsen J et al., JAMA Pediatrics 2020 doi: 10.1001/jamapediatrics.2019.6083

ABSTRACT

INTRODUZIONE: Studi suggeriscono un’associazione tra lo stato vitaminico D materno durante la gravidanza e i dati antropometrici e di mineralizzazione ossea dei figli, ma le ricerche in merito sono poche e con risultati contrastanti.

SCOPO: Lo scopo del lavoro è quello di investigare l’effetto della supplementazione con alte dosi di vitamina D rispetto alle dosi standard in donne in gravidanza sugli outcomes antropometrici e ossei dei figli fino a sei anni di età.

DISEGNO DELLO STUDIO, PARTECIPANTI: Si tratta di un’analisi secondaria pre-specificata di un studio clinico randomizzato e in doppio cieco del “Copenhagen Prospective Studies on Ashma in Childhood 2010 mother-child cohort (COPSAC2010)” che includeva 623 donne in gravidanza e i loro 584 bambini. I dati sono stati analizzati tra gennaio e settembre 2019.

INTERVENTO: Supplementazione con 2800 UI/die (alte dosi) di vitamina D versus 400 UI/die (dose standard) dalla 24 settimana di gravidanza fino ad una settimana dopo la nascita.

PRINCIPALI OUTCOMES: Valutazioni longitudinali antropometriche inclusi il rapporto lunghezza/altezza, il peso, l’indice di massa corporea (BMI) fino ai 6 anni, il contenuto minerale osseo (BMC) e la densità minerale ossea (BMD) a 3 e a 6 anni mediante densitometria a doppio raggio X.

RISULTATI: All’età di 6 anni, 517 bambini (89%) hanno completato il follow up clinico. Tutti i partecipanti erano danesi e bianchi; 261 maschi e 256 femmine. Un’analisi via mixed-effects model degli outcomes di densitometria ossea tra i 3 e i 6 anni ha evidenziato che i bambini supplementati con vitamina D rispetto ai bambini in placebo hanno un più alto BMC total body: la differenza media (aMD) corretta per età, sesso, altezza e peso è risultata di 11.5g (CI 95%, 2.3-20.7; p=0.01); un più alto BMC total body esclusa la testa con aMD di 7.5g (CI95%, 1.5-13.5; p=0.01); e un più alto BMD testa con aMD di 0.023g/cm2 (CI95%, 0.003-0.004; p=0.03). Il maggior effetto è stato osservato nei bambini di madri con insufficienza vitaminica D (<30 ng/ml; per convertire in nmol/L moltiplicare per 2.496) e trai i bambini nati in inverno. In un’analisi post hoc, è stata osservata una incidenza di frattura inferiore nel gruppo supplementato con vitamina D (n=23 vs n=36; Incidence Rate Ratio 0.62 (CI 95% 0.37-1.05; p=0.08), ma non sono state rilevate differenze in nessuno dei dati antropometrici. L’aggiustamento per un concomitante intervento con acidi grassi polinsaturi omega-3 non ha modificato i risultati.

CONCLUSIONI E RILEVANZA: La supplementazione con vitamina D ad alte dosi in gravidanza rispetto alle dosi standard ha migliorato la mineralizzazione ossea dei bambini fino ai 6 anni di età, suggerendo la necessità di aumentare l’intake raccomandato in epoca gestazionale. Questo potrebbe influenzare il picco di massa ossea, il rischio di frattura e il rischio di sviluppare osteoporosi più avanti nella vita. Non sono stati osservati effetti sui dati antropometrici.

©2020 Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati

Scrivi alla segreteria

Per qualsiasi informazione sull'iscrizione alla società G.I.BIS. Scrivi alla segreteria.

Invio

Entra con le tue credenziali

oppure    

Dimenticate le credenziali

Create Account